MANUELE ANTONIAZZI 2_edited.jpg

TRINCEA
TRAIL 
 
16K


 

2000mD+
 

Profilo

16k.jpg

Mappa

mappa con loghi.jpg

Percorso

Tracciato invariato rispetto alla precedente edizione con partenza /arrivo prevista dal colle San Giorgio.

Il primo km sarà veloce, discesa ripida su strada in partenza per i primi 400m e poi pianura sempre  su asfaltato.

Dopo circa 1km dalla partenza la strada inizia a salire per altri 200m, dopodiché entra nel bosco ed il sentiero diventa abbastanza stretto da rendere difficoltosi i sorpassi.

La salita è costante fino al 4°km quando si raggiungerà la vetta del Monte Orsa, attenzione all'ultimo strappo che è veramente ripido.

Una volta raggiunta la vetta dell'Orsa, 988mslm, si scollinerà attraverso delle roccette ed inizierà un tratto molto tecnico di discesa, di circa 50m.

Al termine di questo tratto, si entrerà nei camminamenti della "linea Cadorna" e si passerà da alcune brevi gallerie , dove sarà INDISPENSABILE accendere la luce.

Al termine di questo tratto di trincee si passerà dal rifugio del Monte Pravello e si scenderà verso il Monte Croce, attraversando le trincee "basse".

Arrivati al Monte Croce, si prenderà il sentiero Ficacci che passa attraverso la cava detta Brusata. Dalla cava Brusata si prenderà il sentiero Ficacci e subito dopo il sentiero naturalistico fino alla 1000 scalini, poco sopra alla Big Bench, da qui ci sarà il primo bivio delle 3 gare, pertanto la gara da 8k prenderà il sentiero di destra e scenderà in paese, mentre la 16 e la 30k proseguiranno a sinistra verso il Pravello a quota 1015mslm.

Da qui inizia la lunga discesa che, a parte qualche breve strappettino, porterà verso il Lago Ceresio.

Il primo tratto di discesa, dalla vetta del Pravello, risulta molto impegnativo, ripido e tortuoso. Dopo circa 100m però, la discesa si addolcisce e diventa molto corribile per un lungo tratto, fino al bivio tra la 30k e la 17k in località Rendemuro. La gara proseguirà dritto verso S.Elia.

Al colle S.Elia, km 26, è previsto il terzo ristoro, l'ultimo intermedio prima di quello finale, dove troverete solidi e liquidi.

Si scenderà poi rapidamente lungo il "sentiero degli alpini" fino a raggiungere il ponte di Poaggia.

Da qui, inizierà l'ultima salita, molto impegnativa, lunga 1,5km con 200mD+.

Gli ultimi 2km sono tutti in discesa fino a raggiungere l'arrivo, al colle San Giorgio a Saltrio.